Mente, linguaggio e ideologia in Chomsky. Dalla sintassi generativa alla grammatica del potere.

Nocentini, Lucia Mente, linguaggio e ideologia in Chomsky. Dalla sintassi generativa alla grammatica del potere. [Articles (Articoli)]

[img]
Preview
PDF
Nocentini.pdf
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial Share Alike.

Download (273kB)

Abstract

In opposizione al perverso sistema di propaganda, propria di quella che Chomsky chiama "la democrazia del Grande Fratello", al servizio delle grandi lobby di potere e del loro gergo inautentico e mistificatore, il pensatore, incrociando analisi linguistiche, politiche e storiche, arriva ad una radicale disamina critica del modello americano di democrazia. L'inamissibilità di essa è argomentata sulla scorta dei moderni classici della politica, lungo il sentiero sia dell'innatismo, a partire da Platone, Cartesio, Leibniz, ecc..., sia del liberalismo più genuino, con riferimento a Hume, Humboldt, Dewey, Madison: " Non ci sono più oggi , come anche nel passato, ragioni per credere che siamo costretti a sottostare a leggi sociali misteriose e ignote. Le decisioni prese in seno a istituzioni che sono soggette alla volontà umana - istituzioni umane dunque-, devono superare il test della legittimazione e, in caso contrario, possono essere sostituite da altre più libere e più eque, come spesso è accaduto nel passato" (N. CHOMSKY, Linguaggio e politica, Roma, Di Renzo editore, 2014, p. 69).

Item Type: Articles (Articoli)
Uncontrolled Keywords: potere, Chomsky, democrazia, ideologia
Subjects: P Philosophy
Depositing User: Unnamed user with email info@prospettive.biz
Date Deposited: 30 Nov 2014 19:59
Last Modified: 07 May 2018 13:22
URI: http://eprints2.sifp.it/id/eprint/372

Actions (login required)

View Item View Item